Storia della cucina giapponese

Come si diceva, la cultura e la cucina giapponesi sono indissolubilmente legate. Ma dare uno sguardo alla storia del Paese del Sol Levante può aiutare a comprendere meglio l’origine dei piatti tuttora presenti nella cucina giapponese.
La conformazione geografica dell’arcipelago giapponese, con molte isole che si estendono èer oltre 3500 chilometri, permettono alla cucina giappnese di differire sensibilmente da nord a sud. Come spiega bene Wikipedia in una pagina dedicata queste cucine sono state gradualmente segnate da cambiamenti comuni nei metodi di consumo nel Paese e dalle innovazioni straniere (nuovi ingredienti, nuove tecniche di cottura), i quali sono stati rapidamente accettati, diffusi e assimilati dalla cucina giapponese.

Nel periodo preistorico (periodo Jōmon), i primi insediamenti neolitici giapponesi basavano la loro alimentazione sul riso e sui frutti di mare, fin dai primi tempi. Sul periodo Kofun (III-VII secolo) regna l’incertezza; alcune fonti suggeriscono un quadro di abitudini alimentari ben definito solo a partire dal momento della formazione della dinastia Yamato, mentre con la diffusione del buddismo, venne introdotto il divieto di consumo della carne, che resterà in vigore fino alla Restaurazione Meiji. Durante il periodo Heian (794-1182), i documenti sull’alimentazione dei giapponesi divennero più numerosi, permettendo di fare un elenco degli ingredienti utilizzati e dei metodi di preparazione. Una volta che il Giappone entrò nel periodo Edo (1603-1868), vennero introdotte una ricca varietà di cibi e specialità culinarie, che andranno a comporre la cucina tradizionale giapponese. Nel periodo Meiji (1868-1912), con la riapertura del Paese, diverse specialità straniere andranno a complementare la già ricca lista di piatti giapponesi.

Dopo la seconda guerra mondiale e l’occupazione alleata il paese è diventato sede di una vasta diffusione della cultura del fast food. Nel corso degli anni ’50, il ristorante di Tokyo Yoshinoya si è diffuso su scala nazionale in una catena di tipo franchise, di derivazione americana, ma continuando a servire pietanze tradizionali giapponesi. Sono quindi apparse le grandi catene americane della ristorazione rapida come McDonald’s e Burger King, su imitazione delle quali sono nate in seguito catene giapponesi come MOS Burger e Freshness Burger, che offrono ai clienti varie combinazioni di prodotti tipici e cibo americano.

Riky Ayushi

Di padre giapponese e madre italiana, ben presto mi sono appassionato alla cultura orientale e, in particolare, a quella del Giappone dove mi sono recato più volte e dove ho i parenti di mia madre. Ritengo che la cucina rappresenti una parte importantissima della cultura giapponese e, per questo, mi sembra importante farla conoscere andando al di là, per quanto possibile, dei meri aspetti goderecci e di palato.

Potrebbe anche interessarti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *